MeDusa

L'Abitare rurale in Basilicata

2018 | MATERA | TESI DI LAUREA: L'ABITARE RURALE IN BASILICATA

Titolo: L'Abitare rurale in Basilicata: Strategie innovative per la valorizzazione di un insediamento storico: la "Masseria Serrarifusa". A cura di Donato Gallo.

Titolo: L'Abitare rurale in Basilicata: Conoscenca, recuper e valorizzazione di un insediamento storico in agro Materano: "Masseri Serrarifusa". A cura di Marica Acito

La seguente tesi descrive l’abitare rurale in Basilicata, la storia, l’evoluzione degli insediamenti rurali e l’analisi tipologica effettuata su tutto il territorio lucano. Si approfondiscono quelle che sono state le forme e le caratteristiche costruttive tradizionali dell’abitare rurale essendo oggetto di studio un tipo di abitare rurale, una masseria fortificata, sulle colline a nord dell’agro materano: Masseria Serrarifusa. Circoscritta in un areale in cui il tipo più diffuso era la masseria, nelle sue molteplici declinazioni, Masseria Serrarifusa, storicamente è stata protagonista di vendite e ipoteche, fino a giungere nelle proprietà dei Porcari, da cui oggi il toponimo identificativo di “Masseria Porcari”. Oggi l’immobile verte in uno stato di degrado ed abbandono, e ciò ha mosso i presenti a pensarne la più adeguata valorizzazione e il più giusto progetto di recupero. Il presente lavoro, non è stato indirizzato esclusivamente al recupero della suddetta masseria, ma, essendo questa, in sinergia con altre masserie, di altre nobili famiglie materane, poco distanti e comunicanti tra loro mediante uno storico tratturo, si è approfondito il tema di una cooperazione dei manufatti architettonici che divengono strutture ricettive, mediante strategie innovative per una più moderna e democratica forma di turismo. Questo studio è stato preceduto da un’attenta analisi di fattibilità geologica, essendo stata l’area di interesse, oggetto di fenomeni franosi nell’ultimo decennio. Note le tecniche costruttive, note le cronache storiche, note le proprietà del suolo, note le prestazioni delle murature, Masseria Serrarifusa, viene riletta in chiave moderna, ricostruita, recuperata e valorizzata nell’ottica di trasformarsi in un albergo diffuso, nel rispetto del rudere dell’originaria struttura, che si presta, senza alcuna trasformazione invasiva a diventare sede dei servizi principali dell’albergo. Nell’intorno, la masseria si completa di piccole reinterpretazioni di case di forme elementari rurali, tipicamente usate come alloggio temporaneo, che divengono le camere o gli alloggi di coloro che si prestano a vivere temporaneamente questa ipotetica realtà progettuale.

Team
Marica Acito, Donato Gallo

Relatori e correlatori
Prof. Antonello Pagliuca, Prof. Antonella Guida, Prof. Michele D'Amato, Prof. Emanuele Giaccari, Prof. Antonio Bixio, Arch. Mauro Saito

Stato
Ultimato

  •