MeDusa

Museo della Cultura MATERIA

Visit online

2018 | MATERA | CONCORSO "MATERA CITY OF CULTURE. A MUSEUM FOR THE ANCIENT CITY" | 2° CLASSIFICATO

L'essenza della città di Matera è percepibile nella storia della sua costruzione, è esplicita e innegabile; l’essenza della città è la pietra. Gli umili architetti o, forse, artigiani materani, hanno plasmato la materia, concretizzandola negli archetipi architettonici come il lamione o la cisterna e questo senza mai rinnegare le origini della città, ossia la cultura rupestre. Il centro culturale “MATERIA” è, dunque, il manifesto dinamico della città: la racconta senza sottrarsi all’innovazione; ad assolvere a questo compito sono i materiali e le scelte formali. I materiali che rivestono l’edificio sono l’acciaio brunito associato al vetro per l'innovazione e il mazzaro per la tradizione. Le scelte formali, invece, raccontano mediante un percorso ascensionale la tradizione storico-architettonica di Matera e si rivelano espedienti per odierne soluzioni tecnologiche innovative. La disposizione interna e funzionale del centro culturale è la seguente: - al livello inferiore sono ubicati: un foyer d'ingresso, un coffee space, due sale espositive, uffici, servizi, un deposito ed una cisterna. Particolare attenzione è rivolta alla controsoffittatura realizzata con una concatenazione di volte che rievocano gli ambienti ipogei delle architetture rupestri, ma tecnologicamente consentono di dissimulare gli impianti di aerazione e illuminazione indispensabili per la gestione e salubrità degli ambienti. Su questo livello è presente un altro elemento tipico della tradizione locale: una cisterna, in cui sono convogliate le acque meteoriche e destinate al riutilizzo. - al livello intermedio sono ubicati: un auditorium, due laboratori (pittura e scultura), servizi e una corte esterna. L'auditorium è dotato di cento posti a sedere e un palco che sullo sfondo presenta una particolarità: il rivestimento esterno in acciaio brunito stirato associato al vetro elettro-climatico, consentono di avere un’estensione del palco nello scenario della città, ma questo sfondo, per la tecnologia del vetro, può essere oscurato in caso di necessità. L'attitudine ad un aspetto scenografico, in questo livello, si esplica nell'ambiente dei laboratori, in cui si inscena una cisterna con apertura dall’alto, da cui proviene luce zenitale, e con una corte di affaccio nella sala espositiva. Questa corte è di collegamento per esigenze funzionali (montacarichi a scomparsa per il trasporto di opere fragili dedicate all'esposizione), ed è anche un espediente sonoro, che rende partecipe il visitatore della sala espositiva di tutto il processo di produzione delle opere esposte. Come detto il livello è dotato di uno spazio esterno, in cui è situa una cavea all'aperto che si presenta come una corte racchiusa tra la curva del giardino preesistente e i due edifici del centro culturale. Formalmente questo ambiente è analogo a quegli spazi residuali tra lamioni, in cui si verificavano le relazioni di vicinato. Funzionalmente, oltre a luogo di relazione, è un ulteriore spazio pubblico da utilizzare all'aperto, per occasioni di manifestazioni esterne. Alla stessa quota è presente l’area dell'attuale parcheggio, destinata ad essere di collegamento all'hub, ma con una certa versatilità: allestimenti temporanei per mostre o manifestazioni di altra natura aperte al pubblico. - all’ultimo livello sono presenti, su di un’ampia terrazza panoramica, tre volumi, dotati di un'unica stanza voltata (ma collegati ai laboratori sottostanti), che rievocano il lamione. Questi sono destinati a botteghe e quindi store del museo culturale. La permeabilità dei tre livelli è garantita a chiunque, dai fronti stradali di via d’Addozio e dall'ingresso del giardino preesistente. Ogni livello ad ogni modo presenta ambienti che specificamente possono essere utilizzati come elementi autonomi: l'auditorium, le sale espositive, i laboratori e le botteghe infatti possono essere utilizzati anche per più eventi differenti fra loro.

Team
Marica Acito, Donato Gallo

Committente
Instaura

Stato
Ultimato